venerdì, 21 Giugno , 24

Nato, Rutte sarà il prossimo segretario generale: le 5 sfide che lo attendono

(Adnkronos) - Con il ritiro ufficiale del suo unico avversario, il presidente rumeno Klaus Iohannis, Mark Rutte ha ormai la strada spianata, e il sostegno di tutti i 32 Paesi della Nato, per diventare il prossimo segretario generale dell'Alleanza Atlantica. Viene così risolta prima del 75esimo vertice della Nato, che si aprirà il 9 luglio…

Caldo, è allerta sull’Italia: 8 città da bollino rosso oggi

(Adnkronos) - Si intensifica la prima ondata di caldo che sta investendo l'Italia, soprattutto al Centro-Sud, con l'anticiclone africano Minosse. Se ieri Perugia è stata l'unica città da bollino rosso nel bollettino del ministero della Salute, oggi venerdì 21 giugno sono 8 i capoluoghi con il livello massimo di allerta per gli effetti del caldo…

Toscana, il giallo del ‘boato’ scambiato per un terremoto. Ingv: “Non lo è”

(Adnkronos) - "Dai sismografi e rilevazioni non si tratterebbe al momento di un terremoto". E' quanto scrive su X il governatore toscano Eugenio Giani in relazione a un forte boato, sentito nel pomeriggio di oggi in alcune zone della Regione e descritto da molti cittadini sui social, come molto simile a un sisma. Era stato…

A Napoli un’eccellenza nell’urologia

UncategorizedA Napoli un’eccellenza nell’urologia

Ottimi i risultati raggiunti da Paolo Fedelini, primario di Urologia al Cardarelli di Napoli

La migrazione sanitaria continua ad essere un vulnus del nostro Sistema sanitario nazionale. Secondo l’Istat i ricoveri extra-regionali nel Mezzogiorno sono il 9,6% di quelli interni.

Un fenomeno che non accenna a diminuire e che subisce anche l’effetto dell’attuazione dei Piani di rientro imposti per sanare le casse delle Regioni.

Meno investimenti, dunque, e minore qualità dei Lea (i livelli essenziali di assistenza). Come uscire da questa situazione? Le nuove tecnologie e la multidisciplinarietà nell’assistenza ai pazienti possono essere una valida risposta.

Un esempio arriva proprio dal reparto di Urologia dell’ospedale “A. Cardarelli” di Napoli, diretto dal primario Paolo Fedelini.

Esperto in chirurgia robotica si occupa del trattamento del carcinoma prostatico, del tumore renale e delle patologie del giunto pielo-ureterale.

Proprio queste patologie, sempre più diagnosticate grazie anche ad una cultura della prevenzione che, seppur timidamente, inizia a fare breccia nella popolazione, vengono affrontate al Cardarelli con un approccio multiprofessionale e interdisciplinare dei percorsi diagnostici e terapeutici.

A supporto di questo approccio ecco le nuove tecnologie nell’ambito della chirurgia mininvasiva robotica e laparoscopica, che fanno del Cardarelli un centro di eccellenza unico in Campania.

Grazie ai risultati del professor Fedelini e del suo team sempre più pazienti scelgono Napoli e la chirurgia laparoscopica robot-assistita che si giova della visione in 3D.

Il trend di oltre tremila interventi l’anno è un dato importante per la sanità campana.

La cura del paziente a tutto tondo, la riduzione dei tempi di ricovero e dell’invasività degli interventi, sono probabilmente la risposta più efficace alla migrazione sanitaria in Campania.

A beneficiarne saranno non solo i pazienti ma anche le loro famiglie e, sicuramente, anche il sistema sanitario pubblico che deve rimanere il fiore all’occhiello del nostro Paese.

Paolo Fedelini

L’articolo A Napoli un’eccellenza nell’urologia proviene da Notiziedi.it.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles