Cerved: Nuove Start-up nel 2022 in calo sui diversi settori dell’economia

0
4

Si registra una drastica flessione delle nuove imprese anche rispetto al 2019

Lo studio Cerved, entrando nel dettaglio sulla stima dell’impatto che il calo di start-up del 2022 potrebbe avere sui diversi settori dell’economia, registra che le più colpite rischiano di essere le utility (-117 milioni di euro di fatturato e -60,1% di addetti, a causa di 460 nuove nascite in meno), seguite dalle aziende agricole (-74,9 milioni di euro, -39,8% di addetti, -407 start-up), dai servizi (-1. 945 start-up), dall’industria (-160 milioni di euro, -12,8% di addetti, -691 startup) e infine dalle costruzioni (-193,6 milioni di euro, -10% di addetti, -1135 start-up).

Nel Mezzogiorno, le nuove imprese sono passate da 33.130 nel 2021 a 28.759 nel 2022 (-13,2%), al Centro da 24.612 a 22.128 (-10,1%; stessa percentuale del Nord Est, da 15.609 a 14.033), nel Nord Ovest da 26.428 a 24.272 (-8,2%).

Nell’analisi delle grandi città, si vede invece come Milano sia quella più dinamica, con un calo di sole 358 nuove imprese rispetto al 2021 (-3,9%), seguita da Genova (67, -8,1%) e Roma (906, -8,6%), mentre le successive hanno comunque un saldo negativo a due cifre: Palermo (101, -10,8%), Bologna (122, -14%) Torino (271, -14%), Napoli (424, -14,2%), Messina (37, -14,3%), Bari (113, -14,6%), Firenze (127, -14,9%), Venezia (56, -15,1%), Catania (111, -16,3%), Reggio Calabria (31, -16,9%), Cagliari (87, -18,4%).

Lo studio sui macro-comparti rivela che solo le startup delle costruzioni (pur diminuite del 5,8% in confronto con il 2021) registrano nel 2022 livelli più alti rispetto al 2019 (+22,9%), mentre il record negativo è stato segnato lo scorso anno dalle newco delle utility (-28,9% sul 2021, poco sotto al livello del 2019), seguite da quelle delle aziende agricole (-22,3% sul 2021 e -20,9% sul 2019). L’industria si è assestata a -12,6% (-23,6% rispetto al 2019), i servizi a -11,3% (-10,5% sul 2019).

Nei singoli settori, in cima alla top 10 dei più performanti troviamo le tecnologie per telecomunicazioni, che salgono dalle 21 startup del 2021 alle 55 del 2022 (+96,4%), il facility management, (da 128 a 197 startup, +53,9%), la cantieristica (da 272 a 325, +19,5%) e gli impianti per l’edilizia (da 2451 a 2771, +13,1%), trainati dalla domanda generata dal PNRR.

Al contrario, tra i peggiori 10 ci sono la gestione dei rifiuti (da 225 a 108 startup, -52%), la vendita di gas (da 144 a 76, -47,2%), i prodotti da forno e la pasticceria industriale (da 457 a 251, -45,1%), i trasporti marittimi (da 89 a 51, -42,7%) e la produzione di ortofrutta (da 753 a 468, -37,8%), che hanno sofferto l’aumento del costo dei vari prodotti a causa della crisi economica.

Ciro Di Pietro

L’articolo Cerved: Nuove Start-up nel 2022 in calo sui diversi settori dell’economia proviene da Notiziedì.

continua a leggere sul sito di riferimento