venerdì, 21 Giugno , 24

Nato, Rutte sarà il prossimo segretario generale: le 5 sfide che lo attendono

(Adnkronos) - Con il ritiro ufficiale del suo unico avversario, il presidente rumeno Klaus Iohannis, Mark Rutte ha ormai la strada spianata, e il sostegno di tutti i 32 Paesi della Nato, per diventare il prossimo segretario generale dell'Alleanza Atlantica. Viene così risolta prima del 75esimo vertice della Nato, che si aprirà il 9 luglio…

Caldo, è allerta sull’Italia: 8 città da bollino rosso oggi

(Adnkronos) - Si intensifica la prima ondata di caldo che sta investendo l'Italia, soprattutto al Centro-Sud, con l'anticiclone africano Minosse. Se ieri Perugia è stata l'unica città da bollino rosso nel bollettino del ministero della Salute, oggi venerdì 21 giugno sono 8 i capoluoghi con il livello massimo di allerta per gli effetti del caldo…

Toscana, il giallo del ‘boato’ scambiato per un terremoto. Ingv: “Non lo è”

(Adnkronos) - "Dai sismografi e rilevazioni non si tratterebbe al momento di un terremoto". E' quanto scrive su X il governatore toscano Eugenio Giani in relazione a un forte boato, sentito nel pomeriggio di oggi in alcune zone della Regione e descritto da molti cittadini sui social, come molto simile a un sisma. Era stato…

Sindacati: Alla Marelli nessun licenziamento, 400 uscite incentivate

UncategorizedSindacati: Alla Marelli nessun licenziamento, 400 uscite incentivate

Confronto sul piano industriale

Nessun licenziamento alla Marelli. Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Uglm e Aqcfr riferiscono di un incontro con la dirigenza iniziato ieri e proseguito questa mattina. “L’ azienda ha dimostrato le dinamiche fondamentali secondo i Sindacati, nonostante l’aumento dei costi delle materie prime e il calo delle vendite, in gran parte dovuto alla crisi dell’offerta, Marelli ha diversificato i propri clienti. Ha riportato un dato positivo nel quarto trimestre del 2022, ma rimane negativo per l’intero anno. In ogni caso, nonostante i progressi dello scorso anno, rimane un grave problema di costi fissi”.

Altre due sfide fondamentali sono “La semplificazione dei processi e il rafforzamento della fiducia dei clienti per migliorare i margini lordi. L’organico in Italia è passato nel corso del 2022 da 7.974 a 7.187 persone. Gli investimenti programmati per il 2023 ammontano a 73 milioni. Di fronte a tutto questo, Marelli ha dichiarato che dovrà tagliare altri 400 posti di lavoro in Italia, di cui 310 dipendenti e 90 lavoratori indiretti, indicando gli unici criteri di non opposizione”, ha proseguito il Sindacato.

La riduzione si concentrerà sulle funzioni di staff e toccherà meno le fabbriche. Gli incentivi saranno per i pensionabili nell’arco dei 48 mesi tali da assicurare i primi due anni il 90% della retribuzione insieme alla Naspi e gli altri due anni l’80% della retribuzione più l’equivalente dei contributi da versare.

Per chi non raggiunge la pensione l’incentivo sarà da 35 a 39 anni 12 mensilità, fra 40 e 49 anni 24 mensilità, fra 50 e 54 anni 30 mensilità, e da 55 in su 36 mensilità. A queste cifre si aggiungono per chi esce entro il 31 maggio 20mila euro fino a 49 anni e 30mila a partire da 50 anni. Per avere gli incentivi occorrerà in ogni caso avere 2 anni di anzianità aziendale. Infine, vengono forniti alcuni servizi di outplacement.

I processi di osmosi fra le fabbriche, fortemente voluti dal Sindacato, nonostante abbiano prodotto risultati apprezzabili, restano “preoccupanti criticità che saranno oggetto di specifico confronto a giugno, anche alla luce delle interlocuzioni in corso fra Marelli e Stellantis – aggiungono – il confronto sul piano industriale proseguirà nel frattempo a livello locale, ferma restando l’esigenza di attivare incontri con le Istituzioni locali e nazionali per la salvaguardia dell’occupazione e delle attività di Marelli in Italia”.

Ciro Di Pietro

L’articolo Sindacati: Alla Marelli nessun licenziamento, 400 uscite incentivate proviene da Notiziedì.

continua a leggere sul sito di riferimento

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles